• Vittorio A. Dublino

COLLASSO …? (parte 1)

 NON CI SONO PIU’ SCUSE PER NON AGIRE CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI

E' l'appello ai governi dell famosa ragazzina svedese, attivista ecologica, Greta Thunberg.

“Quando avevo più o meno otto anni, sentii parlare per la prima volta del cambiamento climatico, o riscaldamento globale. Era stato creato dagli uomini, a quanto pareva, col nostro stile di vita. Mi fu chiesto di spegnere le luci, per risparmiare energia; e di riciclare la carta, per risparmiare risorse. Ricordo di aver pensato quanto fosse strano che gli umani – una specie animale tra le tante possibili – fossero in grado di alterare il clima mondiale. Perché se così fosse, se davvero stesse succedendo, di certo non parleremmo di altro. Non appena accendete la TV, ogni trasmissione parlerebbe di questo. Radio, giornali, servizi televisivi: non dovreste leggere o sentire altro, quasi fosse in corso una guerra mondiale. Ma nessuno ne parlava, mai. Se la combustione di fonti fossili fosse una minaccia esistenziale, come potremmo mantenere lo status quo? Perché non sono state imposte restrizioni? Perché non è stato reso illegale?”


per i sottotitoli in italiano, cliccate l’icona con i tre pallini:   

in basso a destra della finestra del video

Sebbene il suo appello sia stato raccolto da milioni di giovani  e non giovani che, preoccupati per il loro futuro, sono scesi in piazza ad urlare il loro disappunto contro l’ignavia, contemporaneamente è partita a livello globale  una CONTRO-campagna denigratoria contro la ragazzina svedese e il movimento di protesta.


Perchè?

Come ho già avuto modo di introdurre in un mio precedente post, l’antropologo, naturalista e divulgatore scientifico Jared Diamond nel suo saggio “Collasso” ci spiega come reazioni ed inazioni analoghe a quelle che osserviamo oggi, sono state la causa di estinzione di una antica civiltà:  queste reazioni, l’ignavia, l’incredulità su possibili effettivi accadimenti e la non-azione di rimedio, sono stati ricorrenti nella Storia dell’Umanità.


Diamond ci spiega attraverso alcune descrizioni storiche – come ad esempio  l’estinzione degli abitanti dell’Isola di Pasqua (che fu dovuta alla deforestazione dell’Isola di Pasqua; l’estinzione dei Maya ( la cui causa fu l’insufficienza alimentare dovuta ad un  sovra popolamento insostenibile), ma anche descrivendo l’attuale degrado ecologico ed ambientale che soffre lo  Stato del Montana negli Stati Uniti  (dovuto allo sfruttamento minerario) –  che già in passato alcuni popoli si sono trovati di fronte a degli scenari analoghi a quelli in cui oggi l’intera Umanità si trova.


Diamond descrive i seguenti scenari, molte popolazioni che si sono trovate nel corso della loro Storia nelle prime ttree condizioni hanno visto le loro Civiltà estinguersi nel loro Collasso, 

  1. il gruppo non riesce a prevedere il sopraggiungere del problema;

  2. non si accorge che il problema esiste;

  3. se ne accorge, ma non prova a risolverlo;

  4. cerca di risolverlo, ma non ci riesce.

L'appello di Greta ci dovrebbe indurci a chiedere: in quale condizione ci troviamo? Speriamo non nella quarta …!


Alcuni passi del saggio di Diamond ci dovrebbero far riflettere ... Quando gli indigeni si trovarono in difficoltà, non poterono fuggire ne cercare aiuto al di fuori dell’isola, come non potremmo noi, abitanti della Terra, cercare soccorso altrove, se i problemi dovessero aumentare ...

Il crollo dell’isola di Pasqua, secondo i più pessimisti, potrebbe indicarci il destino dell’umanità nel prossimo Futuro.

“Le tradizioni orali tramandate dai pochi superstiti isolani di Pasqua e le indagini archeologiche concordano nell’affermare che la superficie dell’Isola di Pasqua era un tempo divisa in 11 o 12 zone, ogni una appartenente ad un Clan (…)  [Tra le cause della caduta della Civiltà dei Polinesiani di Pasqua n.d.r.] rimangono solo due gruppi di cause: da un lato l’impatto ambientale, in particolar modo la deforestazione e l’estinzione indotta dall’Uomo delle specie native; dall’altro i fattori politici, sociali e religiosi che, indirettamente, portarono a comportamenti distruttivi (…) (…) Per il loro completo isolamento, gli abitanti dell’Isola di Pasqua costituiscono un chiaro esempio di Società che si autodistrusse attraverso lo sfruttamento eccessivo delle sue Risorse


Naturalmente, le differenze tra noi e i Polinesiani del XVII secolo sono molte. Alcune non sono di buon auspicio: per esempio, se poche migliaia di uomini, in possesso soltanto di strumenti di pietra e della loro forza muscolare, sono riusciti a distruggere il loro ambiente, quali disastri potrebbero fare miliardi di persone, dotati di strumenti metallici e del potere delle macchine?”

Nella seconda parte di questo post, scriverò dell’estinzione dei Maya, così come ce la racconta Diamond. 

(*) Jared Mason Diamond (nato 10 Settembre 1937) è uno scienziato americano e autore noto per i suoi popolari libri di scienza, tra cui “Armi, acciaio e Malattie” (1997) per il quale ha ottenuto il Premio Pulitzer: in tale opera esplora i fattori geografici, culturali, ambientali e tecnologici che portarono alla dominazione della cultura occidentale sul mondo e ipotizza un nuovo tipo di storia basato sulla scienza che può formulare previsioni piuttosto che semplicemente descrivere “un maledetto fatto dopo l’altro”.  Con primi studi in fisiologia, il lavoro di Diamond è riconosciuto per la sua ricerca che negli anni ha svolto in una varietà di settori, tra cui l’antropologia, l’ecologia, la geografia e la biologia evolutiva.  A partire dal 2013, dopo l’Università di Cambridge, è stato chiamato professore di Geografia presso l’Università della California, Los Angeles. E’ stato descritto come ” il geografo più noto d’America”.  Nel 2005 scrive “Collasso”, in questo saggio Diamond cerca di capire come i collassi delle civiltà del passato siano accaduti, e ci pone la riflessione: riuscirà la Società Contemporanea ad imparare le lezioni del Passato evitando disastri analoghi nel Futuro?!

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square

 

concept e contenuti elaborati in regime di volontariato collaborativo tra  professionisti, esperti, insegnanti,

 docenti universitari, cittadini del mondo civile e militare

Associazione di Promozione Sociale\Ente del Terzo Settore

CARABINIERI 4.0 

infomail at impresa sociale carabinieri 4.0 

 

un progetto © 2016-19CENTRO STUDI e RICERCHE ARTECNOLOGIA 4.0  

Connect online:

  • Facebook Clean